22 giugno 2017

Puttino vs Caronte, o come difendersi dal caldo risparmiando energia



Chissà perché negli ultimi anni si è avvertita la necessità di assegnare un nome ai fenomeni meteorologici. Si era cominciato con gli uragani, eventi estremi, cui venivano dati nomi di persona (Katrina, Hanna, Emily) e poi si era passati a numerare le perturbazioni atlantiche; dato però che le previsioni sono diventate una sorta di spettacolo, bisognava inventare qualcosa di nuovo per stupire e catturare l’attenzione degli spettatori-consumatori.
Eccoci così giunti all’attuale delirio onomastico in cui ogni ciclone e anticiclone ha un nome evocativo, e se ascolti le previsioni meteo mentre stai lavando i piatti e sei distratta, pensi che sia iniziata una versione televisiva de “L’Odissea riadattata per il terzo millennio” e ti chiedi che ci fa Scipione con Circe, Ivan, Hannibal, Ugolino e il famigerato Caronte che se li traghetta via tutti nell’Ade.



Fatto sta che in questi giorni fa un caldo dell’inferno, e dopo il meteo ci sono sempre i soliti consigli per resistere all’afa: bere molto (non alcoolici), mangiare frutta, non uscire nelle ore calde blablabla… però non devi accendere il condizionatore perché consuma energia elettrica e per produrre l'energia elettrica si usano combustibili fossili che aumentano l’effetto serra (non ditelo a Trump che tanto non ci crede) e quindi l’anno prossimo sarà ancora più caldo.

Sembra che non ci sia via d’uscita, ma poi mi sono ricordata di quanto il potere di suggestione sia efficace e, per quanto mi riguarda, pensare alla neve, al gelo e all’inverno mi fa subito passare la voglia di sbuffare per il caldo.



Ecco qua l’idea geniale a costo zero e basso impatto ambientale per combattere il caldo  risparmiando energia: affrontare il Caronte infuocato con il Puttino innevato.


cortile del centro a Torino












cortile del centro a Torino

Non so voi, ma io mi sento già più fresca.

29 aprile 2017

Umorismo fotografico: Lavori in Corso


Visto che siamo a ridosso della Festa dei Lavoratori, ecco qua una bella galleria di foto in cui le opere non sono state eseguite esattamente a regola d’arte… anzi, per la precisione, questa presentazione si sarebbe dovuta chiamare “Lavorare Col Culo” ma non volevo  scriverlo nel titolo per non guastare la sorpresa.

IL VERSO GIUSTO

Welcome to Sri Lanka, paese che si distingue per organizzazione e precisione nei lavori. Qui siamo all’aeroporto internazionale di Colombo e ci terrei a sottolineare che la foto non è girata: se osservate bene vedrete che è il monitor ad essere appeso per il verso sbagliato.

22 marzo 2017

Prima o poi...


Prima o poi riprenderò a scrivere, magari anche qualcosa di interessante, nel frattempo un po’ di intrattenimento musicale.
Dall'etere radiofonico è giunto alle mie orecchie un brano che mi ha catturata: sa un po' di Siouxsie e un po' di Joy Division. E così ho scoperto i Lebanon Hanover, meglio tardi che mai visto che il primo disco risale al 2011.





://

8 marzo 2017

Una provocazione

“Ancora stordita dalle mimose” come direbbe Audrey. L’acre profumo irrita il naso, mi fa prudere il cervello (?) e ne vengono fuori post come questo.
La festa della donna è – ahimè - divenuta ormai a tutti gli effetti una festa commerciale svuotata di ogni significato, e allora perché non trasformarla in “Santa Mimosa patrona dei misogini"? Avete capito bene, patrona dei misogini, di modo che i machi machisti almeno l’otto marzo possano legittimamente prendersi una giornata di riposo e astenersi dai soliti deprecabili comportamenti, senza timore di perdere la virilità.
Che poi, io i misogini mica li capisco, così come non capisco chi è razzista, antisemita oppure omofobo (anche se ho dei dubbi sull'etimologia di questa parola). Insomma, non sopporto chi se la prende con una specifica categoria di persone, mi sembra indice di trascuratezza, come un lavoro incompiuto, lasciato a metà: costoro non potrebbero fare un piccolo sforzo, un salto di qualità, diventare misantropi e odiare l'umanità intera?

6 febbraio 2017

Rubrica: Ho fatto la pipì - 14^ puntata



RISTORANTE CAMPIDOGLIO via Rocciamelone. Bello e funzionale il moderno lavandino di vetro; gradevole la combinazione dei colori: verde, bianco e grigio chiaro; peccato che lo spazio a disposizione non sia stato sfruttato nel modo ottimale.

RISTORANTE ZAMY via Carlo Alberto. Angusto bagno nel seminterrato, eppure lo spazio per fare qualcosa di meglio ci sarebbe.

BAR PROSIT piazza IV Marzo. Appena entrata nel bar ho assistito al surreale litigio tra un cliente - turista italiano che inveiva per la mancanza di servizi igienici - e il barista che rispondeva, anche lui urlando, che il bagno c’era eccome e bastava fare la coda!
Giunto il mio turno credo di aver capito il motivo del contendere: evidentemente il forestiero non era al corrente che molti vecchi bar del centro hanno il bagno nel cortile, e posso capire la sua frustrazione nel sentirsi dire che per andarci si deve uscire dal locale stesso. Comunque pur sapendo cosa avrei potuto trovare, quel bagno era persino peggiore delle mie aspettative: un cesso alla turca ricavato in un basso sgabuzzino nel sottoscala dell’androne condominiale. E soprattutto, se il pesante portone fosse stato chiuso, avrei dovuto citofonare ai vicini di casa per farmi aprire?

PIZZERIA DA GINO via Monginevro. Un locale storico con classicissimo ma decoroso bagno nel cortile: a differenza del bar precedente, l’accesso al cortile è dalla sala della pizzeria stessa e non c’è rischio di perdersi.

ALMA LATINA a San Salvario. Un altro bagno della serie inrosso. Pareti, porte, mobili, soffitto, tutto è verniciato di quel colore. Perché?!?

DISCOTECA ROCK MOVEMENT, o se preferite Cinema Teatro Lutrario in via Stradella. Discoteca che prima d’ora non avevo mai frequentato e che ha cambiato vari generi musicali, gestori e presumo arredamenti. Tutto l’ambiente del bagno è abbastanza impersonale, stile autogrill o aeroporto, ma ha il pregio di avere le porte che si chiudono (e non è cosa da poco!) e un’intera parete a specchio sino al soffitto. Da narcisista.

POLSKI KOT via Massena. Circolo dall’ambiente familiare e bagno quasi altrettanto “casalingo”: sembra un po’ un ripostiglio di oggetti vari; qualche mobile cerca di fare bella figura, le piastrelle ricordano gli anni 70 e l’asciugamani di spugna non è troppo invitante.

HIROSHIMA MON AMOUR via Bossoli. Un locale molto famoso, che ha sede in un edificio che tanti anni fa era una scuola. Anche se adesso hanno dipinto i muri con colori fluo, non ingannano nessuno: sono sempre i cessi di una scuola!

E se leggete questa Rubrica per la  prima volta, qua trovate tutte le puntate arretrate.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...